EMERGENZA IMMIGRATI: IDEE E PROPOSTE DEL M5S

Spesso molte persone che si presentano ai nostri banchetti ci chiedono informazioni in merito alla posizione del M5S sul tema “immigrazione”; a volte vengono addirittura per criticarci poiché, secondo loro, non avremmo una posizione chiara su questo delicato tema.
Partendo dal presupposto che la situazione attuale è causata dalla mala-gestione e dai loschi affari dei governi che si sono succeduti negli ultimi vent’anni (NESSUNO ESCLUSO), vi invitiamo a venire ad ascoltare le nostre proposte, che ci sono e si sviluppano in sette chiari punti. Di certo a livello mediatico le nostre idee fanno meno clamore delle uscite di Salvini o chi che sia e, proprio per questo, il M5S Casalmaggiore ha organizzato un evento aperto a tutti coloro che vogliono CAPIRE ed entrare NEL MERITO della questione, senza strumentalizzazioni o intermediari che possano traviarne i contenuti.
I protagonisti sarete voi, I CITTADINI, e avrete l’opportunità di confrontarvi e dire la vostra a due parlamentari (Manlio Di Stefano e Luigi Gaetti) e a un docente di criminologia (Luigi Caracciolo).
La serata si svolgerà come di consuetudine:
– presentazione del problema sotto vari punti di vista;
– proposte risolutive;
– dibattito col pubblico.

Lamentarsi e riconoscere un problema senza informarsi adeguatamente né cercare una soluzione equivale alle classiche “chiacchere da bar”!

Non perdete questa occasione!

“Un cittadino informato è un cittadino consapevole”

MoVimento 5 Stelle Casalmaggiore

M5SC_VOLANTINO_IMM

Annunci

Ecco gli articoli di giornale che parlano del nostro evento sul Reddito di Cittadinanza svoltosi a Casalmaggiore il 12 settembre 2015

Qui i link dell’evento:
WORDPRESS   https://m5scasalmaggioreecasalasco.wordpress.com/2015/08/26/evento-reddito-di-cittadinanza-del-12092015-m5sc/
MEETUP           http://www.meetup.com/it/m5scasalmaggiore/events/224893920/
FACEBOOK      https://www.facebook.com/events/1132569200106369/

Articolo del quotidiano “La Provincia di Cremona”:
Articolo evento RDC 16 09 15 LaProvincia

Articolo del settimanale “Il Piccolo”:
190915_ArticoloRedditoCittadinanza

Sabato 12 settembre, alle ore 21, si terrà l’evento organizzato dal MoVimento 5 Stelle Casalmaggiore sul REDDITO DI CITTADINANZA.
L’assemblea sarà aperta al dibattito per chiarire dubbi e individuare idee che indichino nuovi percorsi.

Partecipate!

EVENTO RDC 12 09 2015

Pubblicato: 22 maggio 2015 in Informazione

Sabato 16/05/2015 il Movimento 5 Stelle Casalmaggiore ha depositato in Comune una lettera di risposta al Sindaco sulle problematiche della stazione ferroviaria di Casalmaggiore (qui la prima lettera da noi protocollata sull’argomento: https://m5scasalmaggioreecasalasco.wordpress.com/2015/05/11/lettera-protocollata-sulla-stazione-ferroviaria-di-casalmaggiore/
e qui la risposta del Sindaco: https://m5scasalmaggioreecasalasco.wordpress.com/2015/05/15/risposta-del-sindaco-alla-lettera-protocollata-sulla-stazione-ferroviaria-di-casalmaggiore/).

Oltre a ringraziarlo per la tempestività e per l’accuratezza della sua lettera di risposta, abbiamo voluto focalizzare la nostra attenzione sul dato fornitogli dalla dott.ssa Scordo di Rfi per quanto riguarda la media passeggeri, che risulterebbero 230 al giorno. Infatti questo dato non rispecchia la realtà quotidiana di lavoratori e studenti pendolari che dal lunedì al sabato usufruiscono del trasporto ferroviario. Dato che alle parole ci piace far seguire i fatti, giovedì 14 maggio abbiamo deciso di fare una verifica sul campo contando, salvo errori umani, 499 passeggeri saliti e scesi dal primo treno della mattina (ore 5:43) all’ultimo treno della sera (ore 22:14). Essendo 499 ben più del doppio del dato fornito da RFI, ci chiediamo quali siano i criteri di valutazione del movimento passeggeri della stazione e con quale modalità sia stata calcolata la suddetta media.

Invitiamo pertanto il Sindaco a non accettare i dati e le condizioni di RFI passivamente, ma di difendere in modo attivo gli interessi/diritti dei cittadini di Casalmaggiore.

Nel mese di ottobre riproporremo l’evento di conteggio dei passeggeri invitando le autorità locali e la stampa per dare maggior ufficialità ai numeri e per mettere in risalto i problemi della stazione ferroviaria.

Qui la lettera protocollata:
RISPOSTA AL SINDACO 2

Qui l’articolo de “La Provincia” del 20/05 a firma Marco Bazzani:

Scan20052015195446_001-1

Lo scorso lunedì 4 maggio il Sindaco Bongiovanni ha risposto alla lettera depositata in Comune il 17 aprile da Luca Daolio a nome del Movimento 5 Stelle Casalmaggiore. L’oggetto dello scritto era la stazione ferroviaria di Casalmaggiore e le condizioni in cui versa (qui il link della lettera protocollata: https://m5scasalmaggioreecasalasco.wordpress.com/2015/05/11/lettera-protocollata-sulla-stazione-ferroviaria-di-casalmaggiore/). Vi alleghiamo la risposta del Sindaco e, nel frattempo, lo ringraziamo per la tempestività della replica.
RISPOSTA SINDACO - Pag. 1RISPOSTA SINDACO - Pag. 2

Venerdì 17/04, il M5SCC ha depositato in Comune una lettera protocollata per porre all’attenzione dell’amministrazione le condizioni critiche e fatiscenti della stazione ferroviaria di Casalmaggiore.
Nonostante la moltitudine di studenti e lavoratori che usufruiscono del trasporto ferroviario ogni giorno, l’infrastruttura è lasciata a sé stessa e i pendolari risentono quotidianamente dei disagi causati dalla sua mala-gestione.
Chiediamo quindi al Sindaco e all’amministrazione comunale di prender posizione sui fatti elencati in tale lettera, facendo pressioni su RFI per garantire ai cittadini i servizi minimi (ad es. la riapertura dei servizi igienici) e un adeguato grado di sicurezza (visti i recenti casi di molestie verbali e non a scapito di alcune ragazze).
Chiediamo ora a voi cittadini di farvi avanti e di dirci la vostra: come potrebbe essere migliorata la situazione della stazione di Casalmaggiore?
Condividete se vi va, per far sì che possa arrivare a chi è interessato all’argomento e vuole porci domande, critiche e consigli.
Buona lettura!

JPEG Foglio 1 JPEG Foglio 2

 

Questa settimana abbiamo depositato in comune un documento protocollato sulla situazione dello scivolo delle barche di Casalmaggiore in preda ai pescatori di frodo. Grazie a Luca Daolio per averci aiutato a scriverla e protocollarla in comune ed al Gruppo di Lavoro sulle Problematiche del Fiume Po composto anche da Stefano Volta e Luca Battistini.

“Alla cortese attenzione del sindaco, dalla giunta,
dei consiglieri comunali e dell’ufficio ambiente.

Casalmaggiore 11 Marzo 2015,
Il sottoscritto LUCA DAOLIO, nato a Casalmaggiore (CR) il 02/07/1993 e residente a Casalmaggiore in via Mincio n° 3, intende suggerire il seguente documento a titolo informativo all’amministrazione comunale.

Tenuto conto che:

In questi anni si sono verificati diversi episodi criminali nel contesto Golena – Fiume Po. Recenti sono stati i furti di motori delle barche e costante è la pesca di frodo documentata da numerosi articoli della stampa sia locale che nazionale, oltre da chi paga personalmente le conseguenze provocate da questi disagi;

Nei pressi della banchina è segnalata tramite cartello la presenza di videosorveglianza ma, dopo un’indagine sul campo, non è stata riscontrata traccia di alcun dispositivo;

A fianco alla banchina vi è uno scivolo per le barche protetto con una catena arrugginita non resistente al taglio;

La stessa catena è inoltre rimovibile perché non è chiusa da alcun lucchetto.

Si domanda:

Sono state effettuate azioni politiche in contrasto alla criminalità presente sul nostro fiume?

Sul territorio casalasco quanti interventi sono stati eseguiti dalle forze dell’ordine in contrasto a queste azioni criminali?

Saranno installati i dispositivi di videosorveglianza nei posti in cui sono attualmente segnalati tramite cartello?

Saranno presi provvedimenti per controllare l’accesso allo scivolo delle barche?

Si auspica:

Un urgente ed efficace intervento di contrasto a queste attività criminali;

Un’opportuno apparato di videosorveglianza della banchina e dello scivolo per registrare eventuali azioni criminali e disincentivare le stesse;

L’installazione di una catena resistente al taglio e chiusa con adeguato lucchetto per evitare (o per lo meno disincentivare) l’utilizzo dello scivolo da parte di delinquenti. Controllando l’accesso a tale scivolo, sarebbero facilmente documentabili ingressi e uscite di chiunque lo utilizzi;
La messa in sicurezza dello scivolo delle barche poiché, al momento, è possibile accedervi con auto e relativo carrello barca semplicemente passando a lato della suddetta catena. “